La terapia cognitiva per il disturbo ossessivo-compulsivo produce incrementi nella connettività della rete neuronale del cervello

Home / La terapia cognitiva per il disturbo ossessivo-compulsivo produce incrementi nella connettività della rete neuronale del cervello

La terapia cognitiva per il disturbo ossessivo-compulsivo produce incrementi nella connettività della rete neuronale del cervello

Il disturbo ossessivo-compulsivo (DOC) è una condizione  d’ansia abbastanza comune, caratterizzata da pensieri intrusivi e ricorsivi (ossessioni) e / o comportamenti stereotipati (compulsioni).

 La terapia cognitiva-comportamentale (TCC) per il DOC,  è un trattamento ben consolidato basato sulle evidenze scientifiche e molto efficace.  Le delucidazioni  sui meccanismi cerebrali della TCC potrebbero migliorare i trattamenti esistenti e aprire nuovi percorsi per migliorare la risposta al trattamento.

 Lo studio di   D Moody1, et al (Department of Psychology, University of California Los Angeles, CA, USA ; Department of Psychiatry and Biobehavioral Sciences,  UCLA, Los Angeles, CA, USA)  rivela che le connessioni incrementate tra specifiche regioni del cervello  possono compensare la disfunzione sottostante.

I ricercatori UCLA riferiscono che le persone con disturbo ossessivo-compulsivo, trattate con terapia cognitivo-comportamentale, dimostrano cambiamenti distinti nel loro cervello e il miglioramento dei loro sintomi.

Nello studio pubblicato (vedi), le persone con DOC sono state sottoposte a terapia comportamentale cognitiva quotidiana, per imparare a resistere più adeguatamente ai comportamenti compulsivi e a ridurre la sofferenza.  Nell’arco di  un mese, i soggetti hanno  sviluppato notevoli aumenti nella forza delle connessioni tra le regioni del loro cervello – ciò può riflettere   l’apprendimento, da parte dei partecipanti, di nuovi comportamenti non compulsivi e nuovi schemi di pensiero.

In questo  studio, i ricercatori della UCLA hanno valutato 43 persone con DOC che hanno ricevuto un trattamento cognitivo comportamentale  intensivo  (sia subito dopo che dopo quattro settimane di attesa) e 24 persone senza DOC che sono stati utilizzati come gruppo di confronto.

Tutti i partecipanti sono stati sottoposti a scansioni con uno strumento di neuro immagine chiamato tomografia  funzionale a risonanza magnetica, o fMRI: quelli con DOC sono stati sottoposti a scansione prima e dopo quattro settimane di trattamento e coloro senza DOC e che quindi non hanno ricevuto un trattamento sono stati registrati  prima e dopo le quattro settimane.  Quando gli scienziati hanno confrontato le scansioni cerebrali dei partecipanti che hanno ricevuto il trattamento “prima” e “dopo”, hanno visto un aumento della connettività – che può significare una maggiore comunicazione – tra il cervelletto e lo striato, e tra il cervelletto e la corteccia prefrontale. Le scansioni di persone senza DOC non hanno mostrato alcun cambiamento;  tra le persone con DOC che hanno atteso quattro settimane per il loro trattamento, non c’erano cambiamenti durante il periodo di attesa, dimostrando che i cambiamenti nel cervello non si verificano spontaneamente con il passare del tempo.

 La terapia cognitivo-comportamentale (TCC) è efficace per il disturbo ossessivo compulsivo DOC tuttavia, poco si capisce circa i suoi meccanismi relativi alla connettività della rete cerebrale. L’analisi statistica basata sulla rete ha rivelato un aumento di grandezza delle connessioni  del DOC in otto reti.

Gli aumenti più forti hanno coinvolto la connettività tra il cervelletto e il  nucleo caudato / putamen (questi nuclei prendono parte ai processi cognitivi ), e tra il cervelletto e l’area corticale prefrontale ventricolare dorsolaterale / ventrolaterale.  Una delle funzioni più importanti di quest’area è quella di pianificare il movimento volontario.

L’aumento della connettività è stato associato ad una maggiore resistenza alle compulsioni. 

La terapia cognitiva può comportare una maggiore integrazione tra le reti, sia all’interno che all’esterno delle regioni classiche cortico-striatali-talamo-corticali; quelle che connettono il cervelletto alle regioni striatali e prefrontali possono riflettere l’acquisizione di nuovi comportamenti non compulsivi diretti e modelli di pensiero. Tali risultati hanno implicazioni per identificare obiettivi per migliorare l’efficacia del trattamento e monitorare il progresso del trattamento.

 La rappresentazione della risonanza magnetica funzionale (fMRI) e la tomografia a positroni (PET) indicano che la TCC attenua l’iperattività fisiopatologica nelle regioni cortico-striato-thalamo-corticali.   

Tali effetti rappresentano obiettivi potenziali per una migliore efficacia del trattamento.

Comments

    Lois

    Hi there! Such a good write-up, thank you!

    Reply
    Kristeen

    Hi there! Such a nice article, thanks!

    Reply
    Victor

    Could you inform me what theme are you making use of on your site?
    It looks wonderful.

    Reply
    Gregory

    Do you have any suggestions for writing write-ups?
    That’s where I always battle and also I just wind up
    gazing vacant display for long time.

    Reply
    Quinton

    Your website has superb content. I bookmarked the site

    Reply
    Santiago

    Hi there! Such a wonderful short article, thanks!

    Reply

Leave a Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: